Prospettiva Europea a Salerno: Tavola rotonda su innovazione e start up 

salerno-10-maggio-2017Il 10/05/2017 il VI Ciclo di Seminari della Rivista Europalab di Prospettiva Europea, fa tappa a Salerno nella vivace cornice dell’Eco Bistrot sul Lungomare Cristoforo Colombo, per parlare di Innovazione, fattore chiave per progetti di successo e per l’accesso alle opportunità dei fondi europei.
Un momento di condivisione di esperienze tra ricercatori, professionisti, imprenditori, che si sono confrontati sulle complessità dell’avvio di nuove iniziative e sull’importanza di fare rete a livello locale, nazionale ed europeo, al fine di sprigionare le energie provenienti dal territorio e favorire lo sviluppo di nuovi progetti e nuove professionalità è auspicabile la realizzazione di sinergie idonee ad affiancare le competenze di individuazione e implementazione di nuovi modelli di business a quelle legate all’Europrogettazione.

Nuovi approcci che ruotano intorno a concetti chiave quali sostenibilità, fattibilità, networking, team working, innovazione.

Il principio di Sostenibilità va inteso oggi non solo nell’accezione più comune legata ad un corretto sfruttamento delle risorse ambientali, bensì in una visione più ampia che delinea le condizioni per uno sviluppo che duri nel tempo, che in termini di pianificazione delle attività si traduce in una progettualità strutturata con un orizzonte di medio lungo periodo.
Nonostante i bandi europei stanzino risorse destinate interamente (secondo gli schemi propri del no profit) alla realizzazione delle attività indicate nella proposta approvata, è tuttavia necessario ai fini della sostenibilità dell’iniziativa, la creazione di un’organizzazione economica capace di autofinanziarsi e remunerare i fattori produttivi e i soggetti coinvolti, e pertanto idonea a continuare a produrre benefici nel tempo.

Dal punto di vista delle organizzazioni da coinvolgere, è necessario individuare i soggetti con i requisiti adeguati in un’efficace costruzione e gestione del partenariato sia a livello locale che a livello europeo. Un partenariato che deve essere coerente all’ambito in cui ci si sta muovendo e quindi al bando di riferimento, in termini di stati membri coinvolti, caratteristiche degli enti partner, background coerente al settore e know how adeguato a realizzare le attività previste.
Per una corretta gestione dell’intero processo, è auspicabile un coinvolgimento diretto dei principali stakeholders già in fase di analisi di contesto e prima formulazione degli obiettivi, così come fin dall’inizio va individuato il gruppo di lavoro, composto da diverse professionalità con le adeguate skills, coerenti con le attività da implementare.

Momenti di confronto come questo, sono di importanza fondamentale per tutti gli operatori, offrendo l’opportunità di una riflessione ampia da diversi angoli di osservazione, una condivisione di differenti esperienze e l’occasione di incontri conoscitivi con altre realtà sulla base di concrete piattaforme programmatiche, primo passo per la creazione di solide e sostenibili sinergie e collaborazioni.

You must be logged in to post a comment Login