“Il gioco del mondo”: pluralità e nuovi punti di vista al Salone del libro di Torino

7Articolo di Angelo Cirillo sulla trentaduesima edizione del Salone internazionale del libro.

Archiviate le polemiche iniziali legate all’esclusione della casa editrice Altoforte vicina a Casa Pound, è tempo di bilanci per la 32esima edizione del Salone del libro di Torino (13-19 maggio) che quest’anno ha registrato un record: i visitatori sono stati 148mila, ben 5000 in più rispetto all’anno scorso.
Incontri, presentazioni di libri, dibattiti culturali, confronti sono gli ingredienti del successo.

L’elemento caratterizzante del Salone è stato la pluralità, ovvero la volontà di restituire voci diverse e punti di vista nuovi.

Il gioco del mondo” in tutta la sua bellezza e complessità è il tema scelto quest’anno, un omaggio al capolavoro di Julio Cortazar ma anche la volontà di sottolineare la vocazione internazionale della manifestazione.

Migliaia di persone affollano gli stand, comprano libri ma soprattutto parlano con gli autori, con gli ospiti, con gli editori, specie quelli indipendenti, in un mondo, quello dell’editoria, dominato dalle grandi concentrazioni.

Caratteristica del Salone è proprio la possibilità di incontro reale, fisico, tra chi pubblica i libri e chi li legge e l’abbattimento delle barriere tra due mondi solitamente contrapposti: la domanda e l’offerta, il venditore e il compratore.

Soddisfatto il direttore del Salone, il barese Nicola Lagioia, nel mirino della Lega in consiglio comunale a Torino ma difeso a spada tratta per il suo operato dalla sindaca Chiara Appendino e dal Presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino.

Lagioia non lascia ma raddoppia: sarà alla guida del Salone per altri 2 anni.

“Qui è arrivato il paese reale e tutto è cambiato. Se il Salone fosse solo una vetrina editoriale non ci sarebbero state polemiche, invece è una delle più grandi agorà culturali del paese. Da parte mia la polemica è chiusa, superata. C’è da lavorare e migliorare ulteriormente in vista del prossimo anno” conclude Lagioia.

L’appuntamento per la 33esima edizione è dal 14 al 18 maggio 2020.

You must be logged in to post a comment Login