H2020: 3 topic su riciclo, riuso e recupero dei rifiuti

waste_direttivaquadroUe54 milioni di euro per Soluzioni e Strategie eco-innovative e uso sostenibile dei rifiuti agricoli
Contrastare la crescita dei rifiuti prodotti in Europa, soprattutto nelle aree urbane. E’ questa la sfida che la Commissione Europea intende affrontare con una serie di bandi in materia di riciclo, riuso e recupero dei rifiuti, soprattutto nelle aree nelle quali si concentra gran parte della popolazione. La crescita esponenziale delle metropoli, infatti, amplifica i costi sociali e ambientali e il fenomeno va affrontato anticipando future criticità, in special modo se proseguità la tendenza alla concentrazione della popolazione nelle aree urbane.  I rifiuti costituiscono allo stesso tempo una preziosa disponibilità di risorse fino ad oggi poco sfruttate.

La call di Horizon2020 prevede tre topic distinti, volti a sostenere e incentivare l’adozione di soluzioni eco-innovative, strategie eco-innovative e garantire un uso sostenibile dei rifiuti agricoli, co-prodotti e sottoprodotti.

WASTE: A RESOURCE TO RECYCLE, REUSE AND RECOVER RAW MATERIALS
H2020-WASTE-2015-two-stage

CALL WASTE: A RESOURCE TO RECYCLE, REUSE AND RECOVER RAW MATERIALS
H2020-WASTE-2015-two-stage Sub call H2020-WASTE-2014-2015
Apertura 10/12/2014 Scadenza 21-04-2015 ore 17:00 (Brussels local time)
Budget € 54.000.000 Stage 2 08-09-2015 ore 17:00 (Brussels local time)
Programma Horizon 2020
Pilastro Societal Challenges
GU Ue OJ C 361 of 11.12.2013

Sfida specifica – Promuovere soluzioni eco-innovative per prevenire la produzione di rifiuti e promuovere l’uso di rifiuti come risorsa, in linea con gli obiettivi per l’efficienza delle risorse UE e la direttiva quadro sui rifiuti, al fine di migliorare l’ambiente naturale e di vivere in aree urbane e peri-urbane. Lo sviluppo di tali soluzioni in contesti urbani aumenterà l’immissione sul mercato e contribuirà a una urbanizzazione sostenibile a livello mondiale.

Le città utilizzano grandi quantitativi di energia, aria, acqua e sostanze nutritive: la necessità di smaltire i rifiuti in modo sostenibile è una priorità non più derogabile. L’adozione di un metabolismo prospettiva urbana apre la strada ad approcci sistemici innovativi, che coinvolge l’analisi dei flussi di risorse all’interno delle città. Con l’integrazione di dinamiche economiche, sociali e ambientali, è possibile comprendere i modelli socio-economico attenuando l’impatto derivante dall’uso delle risorse e dal loro consumo, e individuando modelli di governance pubblica.

Obiettivo: le proposte devono adottare un approccio urbano integrato e proporre strumenti di ricerca e di innovazione interdisciplinare. Le proposte devono essere il risultato del coinvolgimento attivo degli enti locali, della cittadinanza e delle altre parti interessate, utilizzando concetti innovativi come la mobilitazione e l’apprendimento reciproco.

Topic:     WASTE-6a-2015: Eco-innovative solutions
Le proposte devono affrontare il seguente problema:
Soluzioni eco-innovative: Progetto pilota replicabile e integrato con proposta di soluzioni eco-innovative a basso consumo energetico, con l’uso di tecnologie, processi e/o servizi per la prevenzione dei rifiuti, il trattamento, maggiore raccolta, il riciclaggio e il recupero di  materiali pregiati dai rifiuti. Gli approcci devono integrare soluzioni tecnologiche e non tecnologiche, tra cui, se del caso, l’uso di strumenti economici, ad esempio incentivi per la produzione e il consumo più sostenibile, e iniziative di sensibilizzazione. Le proposte devono includere la partecipazione dell’industria, incluse le PMI, per quanto possibile.

La Commissione ritiene plausibile la richiesta di un contributo all’UE compreso tra 8 e 10 milioni di euro, ma questo non preclude la possibilità di presentare e selezionare delle proposte che richiedano altri importi.

Impatto previsto: significativi miglioramenti misurabili nella gestione dei rifiuti nelle aree urbane e peri-urbane, un processo di sviluppo urbano sostenibile e la riduzione degli impatti ambientali negativi (ad esempio per la salute) in città. Nel lungo termine acquisire la leadership nella ricerca e nell’innovazione nel settore della gestione dei rifiuti urbani e la prevenzione.
Inoltre, sono previsti ulteriori impatti specifici:
Miglioramento significativo in termini di costi, utilizzo di materiali e, se del caso, di efficienza energetica attraverso il riciclo dei rifiuti e la prevenzione nel breve termine. Creazione, nel breve / medio termine, di posti di lavoro verdi e / o di nuove PMI a causa della effettiva diffusione sul mercato di tecnologie innovative, processi e servizi, garantendo parità di accesso a uomini e donne, e l’inclusione sociale.

Tipo di azione: a) Innovation actions

Topic:     WASTE-6b-2015: Eco-innovative strategies
Le proposte devono affrontare il seguente problema:
Eco-innovazione: sviluppo di strategie innovative e sostenibili per la prevenzione e la gestione dei rifiuti nelle aree urbane e peri-urbane. Le proposte devono promuovere modelli urbani, comportamenti dei consumatori, stili di vita, cultura, architettura e processi socio-economiche in grado di influenzare la vivibilità delle città. Le proposte devono evidenziare i possibili benefici derivanti dai servizi ecosistemici e dalle infrastrutture verdi.

Il contributo richiesto all’UE deve essere compreso tra i 4 e i 5 milioni di euro, ma è possibile presentare e selezionare proposte che richiedano importi diversi.

Impatto previsto: significativi miglioramenti misurabili nella gestione dei rifiuti nelle aree urbane e peri-urbane,  sviluppo urbano sostenibile e riduzione degli impatti ambientali negativi (ad esempio, per la salute) in città. L’obiettivo nel lungo termine è il raggiungimento della leadership della ricerca e dell’innovazione nella gestione dei rifiuti urbani.
Inoltre, sono previsti i seguenti impatti specifici:
Miglioramento dimostrabile nel breve/medio periodo nel processo decisionale e di pianificazione partecipativa basata sulla scienza per la gestione dei rifiuti, prevenzione dei rischi e di uso del territorio come parte integrante dello sviluppo urbano.
Le soluzioni individuate con la partecipazione attiva della cittadinanza dovrà condurre a una gestione urbana eco-innovativa e alla nascita di città ri-naturing, misurabili con indicatori qualitativi e quantitativi. Altro risultato da produrre dovrà essere rappresentato da un significativo aumento della competitività delle industrie legate al trattamento del terreno-ecologia-costruzione-rifiuti. A lungo termine, una maggiore capacità di recupero ambientale in aree urbane e la qualità della vita sia in Europa che a livello internazionale.

Tipo di azione: azioni di ricerca e innovazione

Topic:     WASTE-7-2015: Ensuring sustainable use of agricultural waste, co-products and by-products
Sfida specifica: Oggi l’agricoltura genera co-prodotti, sottoprodotti e flussi di rifiuti che non sono adeguatamente trattati sia in termini ambientali che economici.
Nella produzione vegetale (ad esempio orticoltura, frutta, vino, sistemi agro-forestali) le perdite hanno luogo presso la fattoria, nelle fasi di post-raccolta e lungo la catena distributiva. I co-prodotti o sottoprodotti generati necessitano di un trattamento eco-sostenibile.

Nell’allevamento, letame, rifiuti e altri effluenti costituiscono una sfida, in particolare nei sistemi di produzione industriale. Questi effluenti possono essere utilizzati come fertilizzanti o come fonti di bio-energia o bio-prodotti pregiati. Gli impatti sull’ambiente, in termini di emissioni in aria, il suolo e l’acqua devono essere valutati. E’ importante considerare l’intera catena di effluente per evitare problemi di inquinamento e di salute scongiurando la possibile trasmissione di agenti patogeni.

Al di là della riduzione e del riciclo dei rifiuti, co-prodotti agricoli e sottoprodotti, ci possono essere opportunità per nuovi processi che consentano l’uso innovativo di questi materiali, anche al di fuori del settore agricolo.

Scopo: Le proposte possono sfruttare tecniche esistenti o sviluppare nuovi e innovativi approcci per un uso efficiente dei rifiuti agricoli, co-prodotti e sottoprodotti, contribuendo in tal modo alla creazione di catene di valore sostenibile nel settore agricolo e di trasformazione (compreso il settore biologico). Una serie di studi di casi specifici di settore (in termini di fonti di rifiuti) dovrebbe servire a testare i processi e le tecnologie proposte. La ricerca e i processi d’innovazione dovranno trattare colture co-prodotti / sottoprodotti / rifiuti e letame / effluenti.

Sul foraggio e altri residui di colture (anche in miscela con letame), le proposte dovranno sviluppare progetti volti alla tutela dell’ambiente e fornire indicazioni precise sull’uso ottimale dei residui colturali (in particolare paglia) per il miglioramento del suolo, tenendo conto della necessità di mantenere livelli di sostanza organica del suolo, e sulle pratiche agricole di raccogliere e gestire i residui delle colture per scopi alternativi.

Per quanto riguarda il letame e degli effluenti, le proposte devono riguardare alcune o tutte le aree indicate di seguito:

  •     nutrienti, energia e recupero biochimica dal letame e altri effluenti;
  •     migliore conoscenza sull’impatto ambientale di letame e di altri effluenti, misure ulteriori di sviluppo e buone pratiche di fabbricazione, con riduzione al minimo dell’impatto sulla qualità dell’acqua e dell’aria (emissioni e odori);
  •     implicazioni sanitarie di agenti patogeni che possono essere trasmessi da letame e le possibili opzioni di controllo;
  •     catene di gestione, dalla lavorazione al trasporto e l’applicazione.

Il coinvolgimento dell’industria (tra cui una forte partecipazione di PMI) risulterà fondamentale. Occorre stabilire piattaforme di conoscenza. In linea con gli obiettivi della strategia dell’UE per la cooperazione internazionale in materia di ricerca e innovazione e in particolare con l’attuazione del dialogo UE-Cina, le proposte sono incoraggiati a inserire partecipanti di paesi terzi, in particolare quelli con sede in Cina. Le proposte devono rientrare nel concetto di ‘approccio multi-attore’.

La quota finanziabile suggerita dalla Commissione Europea per ogni proposta è di circa 7 milioni di euro.

Impatto previsto
La consapevolezza e il dialogo tra i settori su disponibilità, esigenze e le opzioni per l’uso intelligente dei rifiuti agricoli, sottoprodotti e co-prodotti attraverso la creazione di una piattaforma comune tra le parti interessate.
Maggiore efficienza nell’uso di risorse attraverso la riduzione dei rifiuti e il miglioramento della gestione dei rifiuti nella produzione primaria.
Aumento delle opportunità per la valorizzazione dei rifiuti con conseguente benefici ambientali ed economici per il settore agricolo (ad esempio, con lo sviluppo di nuovi prodotti e processi).
Maggiore competitività attraverso nuovi tipi di fonti per bio-prodotti e bio-energia nel settore agro-alimentare (convenzionali e biologiche) e nel settore della bioeconomia.
Miglioramento della qualità del suolo e della produttività delle colture – attraverso un uso ottimale dei rifiuti raccolti (tenendo conto della necessità di mantenere livelli di sostanza organica del suolo) e il recupero dei nutrienti.
Miglioramento della qualità dell’acqua – riduzione dell’inquinamento e dell’eutrofizzazione delle acque sotterranee, e quindi indirettamente acque marine.
Miglioramento della qualità dell’aria – riducendo le emissioni di bestiame.
I progressi verso lo sviluppo normativo e di serie, in particolare per quanto riguarda la tutela dell’ambiente e la sicurezza alimentare.

Tipo di azione: azioni di ricerca e innovazione

You must be logged in to post a comment Login