“Europa 2020: istruzioni per l’uso”

Banner_quadrato_CorsoEuropa2020Relazione introduttiva di Roberto Giuliani, Presidente Associazione Prospettiva Europea

Il Progetto “Verso Europa 2020”, coordinato dall’Associazione Prospettiva Europea nasce per aprire un tavolo di confronto con istituzioni, università, associazioni, enti di ricerca, professionisti, docenti e studenti e  stimolare una riflessione sullo scenario geopolitico, economico ed istituzionale dell’Europa e  sulle opportunità delineate della Nuova Programmazione Comunitaria 2014 – 2020,  attraverso l’organizzazione di Cicli di Seminari di approfondimento, Percorsi formativi incentrati sulle metodologie di europrogettazione, costituzione di Gruppi di lavoro  impegnati nel monitoraggio dei bandi comunitari e la successiva elaborazione di idee progettuali e implementazione di progetti.

Nell’ambito del progetto “Verso Europa 2020” dal 2012 Prospettiva Europea promuove il percorso formativo “Europa 2020: istruzioni per l’uso” finalizzato a fornire ai partecipanti strumenti e metodologie di progettazione comunitaria, e consentire loro di sperimentare le conoscenze acquisite attraverso un’esperienza concreta di presentazione di una proposta progettuale in risposta ad un bando europeo.

In questa cruciale fase della nuova programmazione europea 2014 – 2020, l’acquisizione e il consolidamento delle competenze di progettazione comunitaria e di networking europeo, l’aggiornamento sulle novità del quadro istituzionale dell’Unione, unitamente alla dimestichezza nell’accedere alle principali fonti di informazione rappresentano un know-how fondamentale per professionisti e organizzazioni che intendono accedere ai programmi di finanziamento a livello europeo.

Il  percorso formativo proposto  mira a fornire strumenti necessari per rispondere a un bando comunitario attraverso un’esperienza che consente si sperimentare le complessità operative dell’europrogettazione, il valore del lavoro in team e del fare rete a livello locale, nazionale ed europeo.

Le competenze acquisite dai partecipanti vengono immediatamente messe alla prova attraverso l’inserimento in gruppi di lavoro coordinati dall’Associazione Prospettiva Europea, finalizzati all’elaborazione di proposte progettuali su bandi reali.

I bandi comunitari sui quali verranno impostate le attività, saranno selezionati in relazione agli interessi dell’Associazione e dei partecipanti, ai requisiti di partecipazione, alle possibilità di realizzazione del partenariato e alla tempistica delineata dalle scadenze delle singole call.

La fase d’aula è incentrata sulla  strategia Europa 2020,  sui nuovi programmi europei e gli strumenti basilari per approcciare al mondo della progettazione comunitaria, dall’analisi del quadro logico di un progetto all’importanza del partenariato.
Nella nuova programmazione 2014-2020 le opportunità nei variegati settori sono inserite ed integrate in macroaree di intervento, in coerenza con i principi ispiratori della nuova strategia dell’UE Europa 2020, semplificando le modalità di accesso ai finanziamenti attraverso l’accorpamento dei precedenti programmi in nuove piattaforme programmatiche finalizzate a realizzare sinergie tra i vari ambiti di intervento.

FORMAZIONE
In tale logica di semplificazione, gli strumenti comunitari per l’educazione, la formazione, la gioventù e lo sport (Programma di apprendimento permanente – Erasmus, Leonardo da Vinci, Comenius, Grundtvig – Gioventù in azione, Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati) sono stati integrati nel nuovo Programma Erasmus+. Il contributo del nuovo programma alla strategia di Europa 2020 consisterà nell’aiutare i cittadini ad acquisire maggiori e migliori qualifiche utilizzando le opportunità di studio e formazione all’estero. Allo scopo di ridurre la dispersione scolastica, altro obiettivo cardine della strategia di Europa 2020, Erasmus+ agevolerà il miglioramento di tutti i livelli di istruzione e formazione, nonché l’apprendimento non formale, che verrà sostenuto grazie agli scambi giovanili e del volontariato. La struttura razionalizzata e semplificata del nuovo programma consentirà di accrescerne l’efficienza, di rendere più semplice l’accesso ai finanziamenti, di ridurre le duplicazioni e la frammentazione degli interventi, sostenendo tre tipi di azioni: la mobilità ai fini di apprendimento individuale (KA1), la cooperazione per l’innovazione e le buone pratiche (KA2) e il sostegno alle riforme negli Stati membri (KA3).

RICERCA
Allo stesso modo, tutte le iniziative finalizzate allo sviluppo, alla ricerca e all’innovazione confluiranno nella piattaforma programmatica Horizon 2020, strumento per la realizzazione dell’Unione dell’Innovazione, una delle sette iniziative “faro” della nuova strategia per la crescita “Europa 2020”. L’iniziativa “Unione dell’Innovazione” mira a creare un ambiente “innovation – friendly” che favorisca la trasformazione di idee innovative in progetti capaci di generare crescita sia sul piano produttivo che a livello occupazionale. Con Horizon 2020 i vari programmi concernenti lo sviluppo delle realtà imprenditoriali e degli enti di ricerca dei Paesi dell’Unione verranno semplificati in un unico pacchetto normativo, volto a facilitare l’accesso alle singole proposte. In tal modo, iniziative già esistenti – come il Programma Quadro per la Competitività e l’Innovazione (CIP) e l’Istituto Europeo di Innovazione e Tecnologia (EIT) – rientreranno nell’unico nuovo programma con l’obiettivo di conferire maggiore impulso all’occupazione, soprattutto tra le giovani generazioni. Il tema del lavoro e delle prospettive occupazionali ha visto durante l’anno in corso il coinvolgimento dei governi degli Stati membri, nella discussione prima e nell’approvazione poi,dello stanziamento di circa 6 miliardi di euro, al fine di incentivare le condizioni di sviluppo e di lavoro per la fascia giovanile.

AMBIENTE
Il programma Life 2014-2020, evoluzione degli omonimi strumenti delle due precedenti programmazioni, viene riproposto in quella 2014-2020 per dare concreta attuazione all’iniziativa faro “Un’Europa efficiente sotto il profilo delle risorse”, in risposta alla seconda delle tre priorità della nuova strategia economica del’UE “Europa 2020” (per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva), consistente nel raggiungimento di un’economia più efficiente, più verde e più competitiva.
Tale obiettivo si concretizza nei “traguardi 20/20/20” in materia di clima ed energia consistenti nella riduzione di almeno il 20% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, nell’innalzamento al 20% della quota delle fonti di energie rinnovabili rispetto al totale delle fonti utilizzate e nel miglioramento del 20% dell’efficienza energetica.
Sostenibilità – L’iniziativa “Un’Europa efficiente sotto il profilo delle risorse” mira a favorire la transizione verso modelli di processo produttivo a bassa emissione di carbonio e verso un’economia capace di utilizzare tutte le risorse in modo efficiente, migliorare la competitività e promuovere una maggiore sicurezza energetica.
Tali finalità vengono perseguite attraverso molteplici azioni volte a una gestione coerente e ottimizzata delle risorse da parte di pubblico e privato in ambito europeo e nazionale, all’aumento della competitività e alla contemporanea “decarbonizzazione”. Per fare questo occorrerà completare il mercato interno dell’energia, dare attuazione al piano strategico per le tecnologie energetiche, promuovere le fonti rinnovabili di energia nel mercato tramite il potenziamento delle reti europee e trans europee, ed infine modernizzare il settore dei trasporti mediante la realizzazione di infrastrutture di mobilità elettrica, una gestione intelligente del traffico, un’ulteriore riduzione di emissione di CO2, la definizione di standard comuni e sviluppo del necessario supporto infrastrutturale.
Per contribuire alla realizzazione dell’iniziativa faro, gli Stati membri dovranno:
– ridurre gradualmente le sovvenzioni con ripercussioni negative sull’ambiente;
– adeguare i metodi di produzione e consumo;
– sviluppare infrastrutture intelligenti potenziate e interconnesse per trasporti ed energia;
– procedere all’attuazione coordinata dei progetti infrastrutturali nell’ambito della rete principale dell’UE che contribuiscano all’efficacia del sistema di trasporto globale dell’UE;
– concentrarsi sulla dimensione urbana dei trasporti, responsabile principale di congestione ed emissioni;
– utilizzare i fondi strutturali per investire nell’efficienza energetica degli edifici pubblici e in un riciclaggio più efficiente;
– incentivare strumenti per il risparmio di energia tali da aumentare l’efficienza nei settori ad alta intensità di energia come quello delle Telecomunicazioni.

Tali obiettivi nella nuova programmazione 2014-2020, si potranno perseguire attraverso gli strumenti messi a disposizione dal nuovo Programma europeo per il Clima e l’Ambiente Life 2014-2020, destinato a proseguire il percorso avviato dallo strumento finanziario Life+ (2007-2013). Il programma continuerà a fungere da piattaforma per lo sviluppo e l’uso di soluzioni, metodi e approcci che offrono evidenti vantaggi ambientali e climatici al fine di contribuire all’attuazione della politica e all’applicazione della legislazione ambientale e climatica dell’Unione.

Dall’analisi di questi principali programmi ed eventualmente di altri proposti dai partecipanti, trarremo spunti per le attività di laboratorio che si avvieranno durante la fase d’aula inizialmente con una prima simulazione di gruppo e successivamente, una volta individuate le call, proseguiranno con la costituzione dei gruppi di lavoro e il lancio dei laboratori di progettazione su bandi reali. Le attività di laboratorio proseguiranno sotto la supervisione e l’assistenza del team di Prospettiva Europea fino alla presentazione finale della proposta.

You must be logged in to post a comment Login