Fondi europei: la Campania raggiunge i target di spesa

campania-fondi-europeiLa Commissione europea ha dato il via libera alla rimodulazione del POR FESR
Campania promossa sui fondi europei. E’ l’esito del Comitato di Sorveglianza svoltosi a Napoli e che ha visto la partecipazione dell’Autorità di Gestione del POR Campania FESR 2014-2020, la Programmazione Unitaria della Regione Campania, rappresentanti della Commissione Europea e dello Stato centrale (Ministero Economia e Finanze – IGRUE, Dipartimento Politiche Sviluppo, Agenzia Coesione Territoriale) oltre che rappresentanti delle parti sociali. Ritenuta soddisfacente la performance del POR Campania FESR 2014-2020, mentre è stato dato il via libera alla rimodulazione del Programma per sostenere le azioni più importanti per lo sviluppo della Regione. Confermate le risorse assegnate alla Regione.

Un risultato che si traduce in una programmazione di quasi 4 miliardi di euro, pari al 96% dell’intero programma (che è di 4.113.545.843 euro) con un importo di spesa certificato di  678.521.620 milioni di euro a cui si stima di aggiungere, sempre come spesa certificata, entro dicembre 2019, ulteriori 430 milioni di euro, superando, così, il miliardo di spesa certificata.

Un trend positivo riconosciuto dalla Commissione Europea che apre alla riprogrammazione tra “Assi” più e meno performanti del Programma, senza perdere risorse.

Obiettivo della rimodulazione del programma sarà quello di dare impulso alle iniziative destinate alle città medie, ovvero le realtà territoriali più indietro nell’attuazione del piano. Gli ambiti di intervento saranno la tutela dell’Ambiente, la produzione di Energia sostenibile, la prevenzione di rischi naturali e antropici, la valorizzazione del Patrimonio culturale, il miglioramento dei Trasporti e della Mobilità, l’efficienza degli edifici scolastici e il sostegno a imprese e professionisti.

Il risultato del POR Campania FESR, sugella l’effetto positivo della Programmazione Unitaria della Campania che vede tutti e tre i Programmi SIE gestiti dalla Regione (PO FESR, PO FSE e PSR) raggiungere l’obiettivo finanziario N+3 superando i target finanziari previsti.

Da Palazzo Santa Lucia si rende noto che tutto questo si traduce in 1.453 interventi selezionati e 1331 cantieri aperti per il FESR; 7.066 interventi in esecuzione e ulteriori 36 avvisi in emanazione per il FSE  e 105.562 domande di pagamento liquidate a favore di 26.398 beneficiari per il PSR.

E’ un punto di partenza importante su cui costruire il nuovo ciclo di programmazione europea che partirà nel 2021. Già avviato il confronto tra Regione Campania e Commissione Europea per evitare i problemi sorti in occasione della definizione dei programmi regionali del settennato in corso, quando l’amministrazione regionale precedente era sospesa tra la fine del suo mandato e la campagna elettorale, che portò a un cambio di guida. Sul tavolo i macrotemi attorno ai quali costruire le linee d’azione e i progetti su cui concentrare le future risorse.

You must be logged in to post a comment Login